Acquistiamo Auto e Moto con Fermo Amministrativo
3270433320 info@autofermoamministrativo.it

Il Fermo Amministrativo Auto di Agenzia Entrate Riscossione

Dopo l’inaspettata chiusura di Equitalia è passato tutto nelle mani dell’Agenzia delle Entrate che, per prendere le incombenze dall’Erario, si è trasformata in Agenzia delle Entrate e Riscossione. Badate bene quindi: il ko di Equitalia non ha cancellato le sanzioni a carico del cittadino ma le ha solamente trasferite all’Agenzia delle Entrate e Riscossione. Invero, i procedimenti in corso e tutte le iscrizioni a ruolo non sono spariti nel nulla: a gestirli ci pensa l’ente pubblico che ha dei poteri persino superiori al suo predecessore!
Veniamo subito al centro del nostro articolo e cerchiamo di capire, dunque, come dobbiamo comportarci adesso in caso di fermo amministrativo del veicolo. Cosa succede ora: cambiano le regole, le disposizioni normative restano le stesse o il fermo auto Agenzia Entrate Riscossione è più severo?

Fermo amministrativo Agenzia Entrate Riscossione: niente “grazia” per i contribuenti morosi

Il colpo di coda della morente Equitalia in questi ultimi mesi è stato quello di recapitare una miriade di pignoramenti e cartelle in tutta Italia, creando vere e proprie scene di panico tra la gente, provocate dalla chiusura degli uffici dell’Ente. Tutti i comitati di difesa del cittadino – com’era ovvio – si sono scagliati contro questa “finta abolizione” che, anziché rendere le cose più facili ai contribuenti, ha creato solo scompiglio. Adesso, infatti, sarà necessario pagare il 70% dell’importo complessivo in solo 3 o al massimo in 5 rate mensili, entro la fine del corrente anno e la somma restante entro il 2018, previa espressa richiesta entro e non oltre il 31 marzo 2018. Data questa situazione, molti cittadini si sono trovati nella condizione di non sapere più a chi rivolgersi per uscire dai propri debiti ma, se volete vendere auto fermo amministrativo, non dovrete far altro che contattarci e cercheremo di risolvere il vostro problema in tempi brevissimi e senza costringervi a migrare da un ufficio all’altro.

Come si risolve ora il fermo auto Agenzia Entrate Riscossione?

Con l’Agenzia Entrate Riscossione i criteri per richiedere lo sblocco del mezzo sono gli stessi di qualche mese fa. Se il cittadino moroso presenta una richiesta di rateazione del debito, l’Agente della riscossione ha la facoltà di iscrivere il fermo del veicolo solo nel caso in cui non accolga la richiesta o quando il contribuente non paghi la sanzione o che salti cinque rate anche non consecutive. In questi casi la risposta più rapida e vantaggiosa per mettere fine al fermo amministrativo dell’auto o della moto è di vendere il veicolo, affidando all’acquirente tutti i disbrighi burocratici che riguardano il mezzo sottoposto a fermo. In tal modo, voi sarete liberi per sempre da tutti i grattacapi che porta con sé questa situazione problematica e avrete inoltre la possibilità di ottenere un buon ricavo dalla vendita dell’auto o della moto.

Vendere auto fermo amministrativo: la soluzione ideale per non avere più problemi!

Come già avveniva in passato, prima del passaggio alla nuova configurazione dell’Agenzia delle Entrate, vendere auto o moto fermo amministrativo è la risposta più vantaggiosa a chi si ritrova nella gravosa situazione di avere un mezzo bloccato. Con il fermo amministrativo moto, sapete bene che non vi sarà possibile utilizzare il mezzo prima dell’estinzione del debito con l’Ente che ne ha disposto il fermo. La stessa cosa vale per il fermo amministrativo auto: non potrete circolare o rottamare il veicolo senza prima aver saldato i conti in sospeso con chi ha ordinato il blocco. Per ovviare a tutti questi grattacapi, rivolgetevi a noi: grazie alla vendita dell’ auto con fermo amministrativo, possiamo sollevarvi da ogni responsabilità rendendovi la vita molto più semplice!